Report “Adolescenza al femminile”

Report “Adolescenza al femminile” 1 Dicembre 2016

"Adolescenza al femminile" è stato un ciclo di incontri di gruppo durante il quale ragazze adolescenti hanno avuto la possibilità  di confrontarsi, esprimersi, conoscersi, riflettere, mettersi in gioco, ascoltare se stesse e l'Altro, comunicare, accogliere, sentire le proprie emozioni dandovi senso e significato.

Un Gruppo di consapevolezza per minorenni non può non avviarsi se non con un incontro di conoscenza rivolto a loro, alle mamme ed ai papà : la presenza dei genitori è un elemento fondamentale fin dai primissimi momenti e attraverso un processo di "contrattazione", come è solito nell'Approccio Analitico Transazionale, vengono esplicitate le aspettative, i bisogni, le risorse disponibili e gli obiettivi, concreti e realisticamente raggiungibili. La formulazione di un accordo condiviso (tempi, modi, obiettivi) e la presentazione di conduttori, partecipanti, finalità  del progetto pone le basi per la creazione dell'alleanza e di un clima empatico ed accogliente.

Un Gruppo di consapevolezza non è solo un gruppo di Parola in cui condividere pensieri o emozioni, elaborare strategie, ragionare sulle difficoltà  relazionali riflettere su differenti punti di vista: è un Luogo in cui accanto a tutto ciò, mediante diverse tecniche creative-manuali, visione film, utilizzo della scrittura e del disegno, ascolto musica e attività  di espressione corporea i membri del gruppo sperimentano, attraverso i vari canali sensoriali e non, emozioni, vissuti, sensazioni riconoscendoli, accogliendoli e dando loro senso, lavorando su convinzioni, pregiudizi e stereotipi.

"Adolescenza al Femminile" è stato IL PERCORSO che abbiamo condiviso con alcune ragazze adolescenti torinesi; con loro abbiamo ascoltato, parlato, riso, raccontato, vissuto, esplorato, creato, riflettuto, accolto. Con la loro piacevolezza, sensibilità , disponibilità  a mettersi in gioco ci hanno donato intensi momenti emotivi, cognitivi e creativi facendo circolare nel gruppo una grande ricchezza umana in cui ognuno ha potuto Dare e Ricevere. Il nostro impegno (Dott.ssa Maria Iannì e Dott.ssa Vittorina Buttafuoco, entrambe psicoterapeute) è stato quello di dedicare loro tempo e presenza, fisica ed emotiva integrata con gli strumenti terapeutici analitico transazionali: il tema del riconoscimento circolato attraverso parole, gesti, sguardi, ascolto attivo ed empatico, il concetto di protezione (Cos'è? Quando? Come? Proteggere sé e/o proteggere l'Altro?), il contatto con le emozioni (riconoscerle, accoglierle, sono alleate o nemiche-pericolose?).

Al termine di questo "viaggio" abbiamo condiviso le nostre impressioni, sensazioni e vissuti con quelle di genitori che, con disponibilità  e creatività , hanno lasciato un segno importante all'interno di questo percorso; riteniamo, infatti, che il lavoro (di consapevolezza, sostegno o terapia) con un minorenne risulti più efficace laddove sia presente alleanza, collaborazione e disponibilità  tra figure genitoriali e professionisti.

Lascia un commento
Accetto l'informativa sulla privacy

Articoli Correlati

Report un posto per me – Di che stoffa sei?

Venerdì 26 maggio, dalle 19.30 alle 21.30, presso i locali dello Studio Psicologo Con.Te. abbiamo trascorso una piacevole serata durante l’incontro di UN POSTO PER ME; il tema che ci ha guidato era la STOFFA, tessuti diversi, di differenti colori, tinta unita o multi-colore, caldi, freddi, lisci, ruvidi, grandi e piccoli.

Leggi tutto
Locandina spettacolo RANE
Rane: uno spettacolo teatrale sul femminile

In occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle Donne,

Leggi tutto
percorsi donna
Report su ciclo di incontri “Percorsi di donna”

“QUANDO LA CONSAPEVOLEZZA SI TRASFORMA IN TERRENO FERTILE PER LA TERAPIA” REPORT SU CICLO DI INCONTRI “PERCORSI DI DONNA”, GRUPPO DI CONSAPEVOLEZZA CHE E’ DIVENTATO GRUPPO DI TERAPIA

Leggi tutto