Rane: uno spettacolo teatrale sul femminile

Rane: uno spettacolo teatrale sul femminile 11 Novembre 2016

In occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle Donne,

vi segnalo a Torino lo spettacolo teatrale "Rane" che Artisti Associati Paolo Trenta realizza

venerdì 25 novembre 2016 alle ore 21 al Teatro BellARTE, in Via Bellardi 16.

Tre storie che vedono quale protagonista principale il femminile; tre narrazioni che portano a riflettere sulle gabbie, imposte o autoimposte, che non di rado imprigionano il femminile.

RANE-foglio-sala

Al di là  dei tragici fatti di cronaca, la violenza contro le donne dentro e fuori la famiglia rimane tutt'oggi ampiamente diffusa. Molto ancora resta da fare per combattere un fenomeno, a mio giudizio, non degno di una società  avanzata ed evoluta come ci piacerebbe definire la nostra nel 2016. E dunque credo davvero importanti le iniziative istituzionali e quelle promosse spontaneamente dalla cittadinanza che spingano ulteriormente a riflettere sul fenomeno, promuovendo ulteriori strategie di contrasto nonché occasioni per pensare e ripensare alle dimensioni del femminile e del maschile. Lo spettacolo Rane è tra queste.

Leggendo la scheda tecnica del progetto artistico ho trovato particolarmente evocativi i termini "libertà  e distanza dalla gabbia- imposta o autoimposta- che ci imprigiona", soprattutto in connessione al tema della violenza di genere.

Nella pratica clinica, infatti, mi sono ritrovata spesso ad ascoltare e accogliere storie di donne la cui sofferenza originava dalla costrizione - imposta o autoimposta- in relazioni violente, svalutanti, che mettevano in pericolo la loro stessa vita, fisicamente o psichicamente. Storie in cui la libertà  e il poter essere se stesse non trovavano spazio. Con modalità  e per ragioni spesso molto diverse tra loro. D'altra parte ciascuno di noi ha la propria storia. Eppure le storie di violenza sulle donne finiscono nei fatti troppo frequentemente ad assomigliarsi.

In Italia un'indagine Istat del 2014 conferma una percentuale superiore al 30% di donne tra i 16 e 70 anni che hanno subìto nella loro vita qualche forma di violenza fisica e sessuale. Seppur la medesima indagine sottolinei una riduzione del fenomeno nell'ultimo quinquennio rispetto al precedente, soprattutto nei casi di violenza psicologica se non accompagnata da quella fisica e/o sessuale, è evidente che non possiamo certamente cantar vittoria. Anche perché se i dati da un lato segnalano un calo delle violenze subite, dall'altra evidenziano la maggiore gravità  delle violenze inflitte, al punto che le donne che hanno temuto per la propria incolumità  sale dal 18,8% del 2006 al 34,5% del 2014.

Sono dati impressionanti - non trovate?! - che credo meritino una riflessione profonda che, andando al di là  degli stereotipi e pregiudizi, possa aiutarci a cogliere sempre più i numerosi elementi che contribuiscono tutt'oggi a mantenere condizioni di violenza agita e pensata contro le donne. Mi riferisco ai fattori storici, culturali, sociali ed economici che inevitabilmente entrano in gioco e, in alcuni casi, addirittura alimentano un clima di accettazione e/o mancata condanna della violenza di genere. Ma anche ai fattori psicologici che altrettanto inevitabilmente giocano un ruolo e che, se conosciuti, possono aiutarci a comprendere situazioni tragicamente violente, da cui troppo spesso prendiamo le distanze pensando, per esempio, "a me non capiterà  mai", "evidentemente se non lo lascia è perché le piace prendersi le botte", " se non si ribella è perché le sta bene così", "non ha voglia di lavorare, vuole fare la mantenuta, questo è il prezzo da pagare", "se l'è cercata... ".

Le cose non stanno esattamente così. E le competenze di uno psicologo adeguatamente formato sul tema, unite alle competenze delle altre scienze e professioni, credo possano contribuire a far luce su un fenomeno ancora troppo attuale, che non fa troppe distinzioni di razza, condizione sociale, grado di istruzione e che per questo si presenta come un fenomeno transculturale e transgenerazionale.

Riferimenti e informazioni sullo spettacolo "RANE"

Lascia un commento
Accetto l'informativa sulla privacy

Articoli Correlati

Report un posto per me – Di che stoffa sei?

Venerdì 26 maggio, dalle 19.30 alle 21.30, presso i locali dello Studio Psicologo Con.Te. abbiamo trascorso una piacevole serata durante l’incontro di UN POSTO PER ME; il tema che ci ha guidato era la STOFFA, tessuti diversi, di differenti colori, tinta unita o multi-colore, caldi, freddi, lisci, ruvidi, grandi e piccoli.

Leggi tutto
Collage gruppo Adolescenti
Report “Adolescenza al femminile”

“Adolescenza al femminile” è stato un ciclo di incontri di gruppo

Leggi tutto
report progetto un posto per me
Report presentazione del progetto “Un posto per me”

Un Luogo in cui ritrovare spazio e tempo per SE’ Venerdì 4 novembre 2016, dalle 19.00 alle 22.00, si è tenuto un Aperitivo di presentazione del progetto UN POSTO PER ME, organizzato da Studio Psicologo Torino; è stato un’occasione per conoscere Genitori che, affaticati dal vivere quotidiano, si trovano sempre più frequentemente a trascurare se […]

Leggi tutto