Colloquio e supporto psicologico online

A partire dal 2020, in relazione alla pandemia da Covid 19, si attraversa un momento storico che contribuisce alla diffusione di uno strumento terapeutico già utilizzato ma non frequentemente: il colloquio psicologico online. Nel periodo pre-pandemico, la presenza di molti professionisti sui vari territori induceva forse a considerare la psicoterapia online come una pratica non necessaria e in tali casi addirittura limitante; in fin dei conti l'incontro virtuale con le persone sembrerebbe non consentire di cogliere alcuni aspetti dell'individuo e della relazione che potrebbero avere un peso fondamentale nel rapporto terapeutico.

Consulenza, supporto e Psicoterapia Online: il colloquio e le sue potenzialità

Dal 2020 i nostri criteri di valutazione di ciò che è opportuno o meno fare nelle diverse situazioni sono stati ricalibrati. Negli ultimi anni, ad esempio, il concetto di accessibilità dei servizi ha subìto uno stravolgimento anche in relazione alle chiusure realizzate per il contenimento della circolazione del virus: se in precedenza eravamo abituati a considerare che i servizi per essere accessibili dovessero “semplicemente” prevedere delle modalità di accesso compatibili con le disabilità, attualmente ci siamo abituati ad un'idea di “impedimento” più ampia e dovuta a cause di forza maggiore con cui da tanto tempo non ci si confrontava. Ne è conseguita la necessità di mettere al servizio delle persone tutti gli strumenti possibili e quindi anche le competenze dello psicologo/psicoterapeuta che, nell'incontro online, si rende maggiormente accessibile per fornire aiuto, sostegno, consulenza e percorsi di psicoterapia andando oltre gli impedimenti.

Come avviene il colloquio Psicologico Online

La modalità in cui può crearsi una relazione d'aiuto online necessita della definizione di alcune regole che ne caratterizzino il setting. L'ideale è utilizzare una piattaforma che consenta la connessione audio e video.

colloquio onlineCome per un appuntamento in studio, anche per il colloquio online è necessario accordarsi per un orario e chiarire che la persona e lo psicologo/psicoterapeuta dovranno trovarsi in ambiente tranquillo e isolato da disturbi esterni o possibilità di intromissione ed interruzione. Sarà compito del terapeuta fornire opportuna modulistica per autorizzazione al trattamento dei dati, esplicitare il contratto terapeutico e chiedere l'autorizzazione all'utilizzo della modalità online che includa l'impegno a non registrare i colloqui.

Solo in presenza di tutte queste condizioni sarà possibile fornire consulenza, sostegno o psicoterapia in sicurezza. La natura dell'intervento sarà definita e co-costruita col cliente in relazione alla definizione di un obiettivo e alla verifica che le competenze del professionista nonché la natura delle problematiche da affrontare siano compatibili con un intervento di uno psicologo online. È tuttavia necessario specificare che l'incontro in presenza rimane lo strumento principe di lavoro per lo psicologo/psicoterapeuta: garantisce una più completa opportunità di cogliere sfumature comportamentali e relazionali. Ciò nonostante, per le ragioni già enucleate ma anche per altre motivazioni il colloquio psicologico online, potrebbe essere l’unica modalità di intervento possibile. Basti pensare, ad esempio, alle persone che vivono in contesti piccoli e che sono impossibilitate a gestire agilmente gli spostamenti o a chi, trasferitosi all'estero, abbia la necessità di essere seguito da un terapeuta che comprenda la sua lingua e il suo retroterra culturale.

Posta la necessità di procedere con un percorso psicologico online e garantite tutte le condizioni di setting enunciate, è possibile avviare un supporto psicologico o una psicoterapia per aiutare nel raggiungimento della migliore condizione di benessere possibile.

Che strumento usare: quali modalità tecniche e condizione

Quanto già espresso lascia presupporre che lo strumento utilizzato per il sostegno psicologico online debba essere una piattaforma accessibile da telefono, tablet o PC come ad esempio Skype. La persona che utilizza lo strumento deve garantire a se stessa delle condizioni di privacy e comfort che consentano di parlare con tranquillità, senza limitazioni nella gestualità: di conseguenza uso di cellulare e tablet devono poter avvenire lasciando libere le mani anche perché l'interlocutore possa avere la possibilità di guardare attraverso un'immagine fissa e un'inquadratura abbastanza ampia.

Il professionista potrà valutare l’opportunità di attivare o meno la modalità online, che potrebbe essere più indicata per persone in certe fasce d'età e con certa tipologia di problematiche. La valutazione è opportuna comunque caso per caso vista la peculiarità di ogni individuo.

Vale la pena sottolineare che le osservazioni fatte non sono valide per le chat online con lo psicologo che rispondono a tutt'altra tipologia di caratteristiche ed intenti che Studio Psicologo Con Te non eroga.

Articoli correlati a Colloquio e supporto psicologico online

Cambiamento dell’accesso alla psicologia negli ultimi anni

L’accesso ai servizi di psicologia è un tema vario e ricco di spunti di riflessione per addetti ai lavori e non.

Leggi tutto
Il lavoro della psicologa a Torino: intervista alla Dottoressa Angela Saponaro

Oggi intervistiamo la dott.ssa Angela Saponaro che, insieme alle dottoresse Maria Iannì e Lisa Reano, porta avanti la bella realtà dello studio di psicologia e psicoterapia Con.Te di Torino.

Leggi tutto
Relazioni tossiche: segnali di allarme e come uscirne

Negli ultimi anni è diventata di uso comune l’espressione “relazione tossica” in riferimento a qualsiasi legame cui associamo disagio, sofferenza, incomprensione, calo di autostima, mancanza di sostegno, difficoltà a “crescere”; in altre parole, nel sentire comune, è tossico quel legame che non viviamo come reciproco, accogliente e basato su comprensione ed ascolto.

Leggi tutto
Chiedere aiuto è il primo passo per stare meglioPrenota un colloquio