Cos’è la medicina psicosomatica

Cos’è la medicina psicosomatica 16 Novembre 2015

La medicina psicosomatica definisce il corpo e la mente come strettamente correlati. La sfera emotiva è in grado di influenzare profondamente quella fisica determinando un dialogo che può esitare nella percezione di un disagio organico. Il corpo non può essere inteso come una macchina da riparare: esso esprime una complessità  più grande che racchiude tutte le sfere che sono importanti per la vita di una persona.

Nel momento in cui si manifesta un disagio corporeo è necessario osservarlo prima da un punto di vista medico. La psicoterapia non può sostituirsi alla medicina ma la può completare e sostenere. Un trattamento psicoterapico può aiutare una persona a rielaborare il disagio psicologico che si affianca a quello fisico. Talvolta la problematica fisica può addirittura non trovare riscontro in indagini organiche. In tali casi, è possibile supporre che la sfera emotiva incida sulla dimensione corporea esprimendo difficoltà  che non sono mentalizzabili ed esplicitabili a parole. à‰ questo il caso delle malattie psicosomatiche. La somatizzazione è il meccanismo alla base dei disturbi psicosomatici e può essere definita come espressione di contenuti psichici in sintomi fisici attraverso il coinvolgimento del sistema endocrino e immunitario. Un esempio molto comune è la situazione in cui lo stress perdura nel tempo determinando una serie di reazioni che, a lungo andare, alterano le risposte organiche. Talvolta sono le strategie utilizzate per cercare di fronteggiare la causa dello stress (stressor) ad essere improprie e a favorire la comparsa di problemi organici ad esempio gastroenterici, cardiocircolatori, respiratori, urogenitali o dermatologici.

Le malattie psicosomatiche: l'ipocondria

Ma veniamo alle malattie psicosomatiche più strutturate e più comunemente conosciute. Prima fra tutte è l'ipocondria cioè un disturbo caratterizzato dalla paura di essere affetti da una patologia grave nonostante evidenze diagnostiche mediche negative. La persona affetta da ipocondria attraversa periodi di esacerbazione ed attenuazione delle sue convinzioni. Comprende che la sua preoccupazione è infondata ma tende a non considerare che il suo problema sia dovuto a fattori psicologici optando per la frequente ricerca di rassicurazioni attraverso consulenze mediche ed esami specialistici. Il facile accesso ad informazioni mediche attraverso il web certamente contribuisce ad esasperare le preoccupazioni ipocondriache. Una psicoterapia è particolarmente indicata ad affrontare il disturbo facilitando l'espressione del legame tra mente e corpo e contribuendo a far fluire la comunicazione tra le due dimensioni.

Altri disturbi psicosomatici

Altri disturbi complessi e strutturati sono quello di somatizzazione e i disturbi di conversione che hanno in comune la presenza di problemi apparentemente somatici accompagnati da una forte tendenza alla lamentela. Tali condizioni alterano il rapporto della persona che ne soffre con gli altri e con le situazioni di vita; potrebbero supportare la tendenza a relazionarsi in funzione delle necessità  legate al disturbo e ancora potrebbero portare a condizionamenti nella vita quotidiana. Anche in questo caso una psicoterapia è particolarmente indicata a recuperare capacità  altre di espressione del proprio malessere.
Non si vuole assolutamente sostenere che il disagio dovuto ad una malattia psicosomatica sia falso o esagerato. Si sottolinea piuttosto come alla base di esse ci sia l'incapacità  di leggere il rapporto di interconnessione tra mente e corpo accanto alla difficoltà  di mettere in parole il sintomo provando a leggerne il senso psicologico.

Lascia un commento
Accetto l'informativa sulla privacy

Articoli Correlati

vademecum psicologi psicoterapeuti covid
Indicazioni per le prestazioni psicologiche durante la fase 2

Lo Studio Psicologo Con. Te., al fine di promuovere azioni e comportamenti di messa in sicurezza e contenimento del contagio da COVID-19

Leggi tutto
safe surfing
Progetto Social Education 3.0 Porto Sicuro

Social Education 3.0 è un progetto nato per implementare ed approfondire, in una dimensione locale e di prossimità , il progetto “Safesurfing” (navigazione sicura), promosso da Inclusion Europe, organizzazione europea di persone con disabilità  intellettiva con sede a Bruxelles, insieme ad altre associazioni con sede in diversi paesi, tra cui Anffas Nazionale. Il progetto prevede: Creazione […]

Leggi tutto
un posto per me tempo
Un posto per me – Cercasi tempo disperatamente

Cari amici e amiche 13 LUGLIO 2018 ORE 19.00/21.00 Via Bossi 24 UN POSTO PER ME “Cercasi tempo disperatamente” Un tempo lento o troppo veloce? Un tempo piacevole o faticoso? Un tempo carico o vuoto? … . Un tempo democratico… . Un tempo in cui… ..comunque vadano le cose lui passa… . Vi aspettiamo in […]

Leggi tutto